J-World, avventura? Si, la abbiamo!

Altra tappa per gli amanti dell’animazione giapponese.
Il J-World!
In questo caso parliamo principalmente di: One Piece, Naruto e Dragon Ball!
Con qualche cammeo di altri anime, che però personalmente non ho la più pallida idea di quali fossero.

Il biglietto completo costa 2600 Yen e da accesso a tutte le attrazioni. Il parco non è enorme, ma un pomeriggio intero serve per esplorarlo tutto.
Eventualmente, c’è la possibilità di pagare 1800 Yen se si entra dopo le 17.00, come in realtà abbiamo fatto noi, ma tenete conto che siamo arrivati al limite del tempo (le 22.00) per terminare praticamente tutto, e per tutto intendo ciò che riguardava gli anime principali. Se avessimo avuto interesse anche negli altri mini giochi non ce l’avremmo fatta.

Benissimo, per iniziare, il J-World si trova in un centro commerciale, dove al piano sottostante troviamo anche un Pokemon Centre. Ovviamente ci siamo fermati a dare un’occhiata, come potevamo non farlo? (e già qui le 17 diventano le 17.30)

Arriviamo all’entrata del parco, i biglietti li facciamo alla cassa automatica sotto suggerimento del guardiano, semplice, intuitiva e veloce.
Benissimo, si comincia!

Il primo mondo che ci troviamo davanti è quello di Naruto, non molto grande, offre qualche minigioco per misurare la forza e l’equilibrio, sempre in linea col tema, e quest’angolo termina in fretta.

Ci spostiamo dunque ad un altro pilastro dell’animazione: Dragon Ball!
Il primo gioco consiste nel trovare tutte le sfere del drago. Veniamo catapultati in uno spazio che sembra quasi un bunker, dove troviamo dei piccoli angoli adibiti a minigiochi, tutti diversi, che se superati ci permettono di acquistare una sfera. Questa viene proiettata nel piccolo schermo digitale rotondo che ognuno di noi ha a disposizione.
Alcuni sono sequenze di numeri, in uno, semplicemente dobbiamo emettere il grido più forte possibile…e se la barra si riempie, ecco la nostra sfera!
Allo scadere del tempo, non tutti e quattro abbiamo avuto la meglio, ma veniamo comunque condotti per scale, viuzze, fino ad arrivare ad una sala. Siamo sopra le nuvole, e una volta appoggiato il dispositivo con le sfere del drago, un’animazione con effetti sonori parte, mostrandoci la sorte del drago.
Ne usciamo soddisfatti, e via al prossimo!

Questa volta abbiamo a che fare con la nuvola speedy, in due versioni, in due giochi diversi.

Nel primo, abbiamo un segway ben decorato, con o senza manubrio, in base alla vostra bravura ed equilibrio, e un percorso ad ostacoli da superare. Se l’avete ancora sperimentato non sarà una missione troppo complicata, se invece è la prima volta, tranquilli: vi armano di caschetto e protezioni, e vi fanno un breve training su come fare per prendere dimestichezza.

Il secondo, e mio preferito, si presenta così: una nuvola speedy sulla quale si può salire singolarmente o in coppia. Noi siamo a coppie, con un manico verticale al quale reggersi.
La stanza è completamente buia, con solamente uno schermo davanti ad ognuno di noi.
Immaginate di essere in un cinema in 4D, il principio è lo stesso. Come il video parte, anche la nuvola comincia a muoversi, e benché non si stia davvero inclinando particolarmente, sembra davvero di sfrecciare nel cielo, cercando di evitare gli ostacoli!
E per farvi capire quanto fosse realistica, io che ad un certo mi sono presa davvero bene a guidare la nostra nuvola, ho perso l’equilibrio e sono caduta!
Non vi dico le risate! Ma la rifarei all’istante se potessi.

Un’altro gioco, che cattura l’essenza dell’anime, è il training per lanciare la sfera energetica, ovviamente come chi ben saprà, il grido ufficiale non è “onda energetica”, come nel cartone doppiato in italiano, ma kamehameha!
Una volta concluso l’allenamento, è l’ora della sfida!
Riuscirete a sconfiggere il nemico  con la vostra onda energetica? Beh, io si!

Altro angolo di paradiso, e siamo nel mondo di One Piece, dove nonostante il grande parco a tema ci abbia sorpresi e divertiti nella Tokyo Tower, non ci ha ancora stufati.
Il gioco principale in questo caso, consiste nell’avere, ad ognuno il suo, uno zainetto a forma di Chopper. Quello che bisogna fare è andare in giro per il parco, e trovare gli ingredienti giusti per la medicina della nostra piccola renna, prima che scada il tempo.
Ognuno va per conto suo, cercando di fare il possibile per intuire in base ai suoni che lo zainetto emette, se la direzione intrapresa è giusta oppure no.
Ogni minigioco è divertente e va interpretato, non parlando giapponese bisogna stare attenti, anche perché una volta fatto non è possibile riprovarci.
Una volta accumulati tutti gli ingredienti si porta il piccolo in infermeria, e qui vi verrà scattata una foto con l’eventuale punteggio.

Concludiamo in bellezza alle ore 21.30, quando ormai è tutto chiuso o manca poco, con un carosello musicale.

Anche oggi ci siamo parecchio divertiti, il tempo fuori è piovoso, e questo è stato un bel momento ricreativo con i cartoni che più ci piacciono!

Facciamo una tappa al McDonald al primo piano, affamatissimi per non aver toccato cibo, in modo da non perdere tempo prezioso.

Annunci

2 comments

  1. In futuro vorrei andarci in Giappone, dato che fin da quando ero piccolo mi sono affascinato alla loro cultura…insomma andare nella terra del so levante per me è come andare su Marte! Ottimo articolo mi è piaciuto molto, mi iscrivo!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...