Condividere Santorini

L’esplorazione della Grecia riprende con la famosissima Santorini, che dista poco più di un’ora di nave da Creta, vero peccato non farci un salto!

Lasciamo l’auto al porto, d’accordo con la compagnia che ce l’ha noleggiata, e ci spingiamo verso il nostro traghetto. Troviamo subito posto a sedere (davanti al bar) e ci appisoliamo sulle poltrone, in attesa di attraccare alla magica isola dalle spiagge nere.
Una volta a destinazione ci vengono a prendere con un mini-van, e ci conducono alla nostra stupenda villa di Santorini!
Devo dire che sono molto fortunata quanto si tratta di offerte e di sconti, anche se la verità è che mi perdo via a selezionare per giorni e giorni. Ho molta pazienza.

Benissimo. Come prima cosa, spesa! Per rifornire frigo e pance, seguito da un meritato relax a bordo piscina (anche perché non usare l’idromassaggio sarebbe stato uno spreco)!
Svariate ore dopo (e un colorito niente male), è il momento di avviarci per la serata a Thira, il bellissimo paesino da cartolina caratteristico dell’isola.

Una ventina di minuti a piedi, e ci siamo. La città devo dire che fa il suo effetto, soprattutto arrivando giusti per il tramonto. Ci lasciamo cullare gli occhi dalla stupenda visione, per poi essere richiamati alla realtà dallo stomaco: è ora di mangiare.
Ci concediamo una bellissima cena di pesce, e con calma concludiamo la serata.

L’ultimo giorno è decisamente da ricordare.Oggi siamo diretti alla pittoresca città di Oia, che si trova esattamente dalla parte opposta rispetto a dove ci troviamo noi.
E come decidiamo di andarci? Ma a piedi ovviamente!
Avevamo letto di una bella camminata che portava da Thira a Oia, ma ci sembra una buona idea percorrere la costa opposta, così da vedere qualcosa di diverso.
Una grandissima, pessima idea.img_1739.jpg

Partiamo convinti, con le scarpe meno adatte possibili (perché riempire la valigia con scarpe comode, se servono solo un giorno?), e dopo alcuni km, il navigatore ci comunica divertito che per i prossimi 10 km, percorreremo niente di meno che…l’autostrada!
Ormai è troppo tardi per tornare indietro (non è vero), e ci sentiamo degli esploratori pieni di carica. L’acqua c’è, e la buona compagnia pure, quindi perché no!

Devo dire che gli scenari, salvo asfalto e alcuni tratti, sono stati interessanti. Il traffico poco, il caldo accettabile. Gli ultimi tratti in mezzo alle campagne, ed ecco la strada che conduce al paese. Rigorosamente in salita.
Penso di non essere mai stata così distrutta e affamata in tutta la mia vita (durante il viaggio nemmeno mezzo negozio). Ci buttiamo in un ristorante ad assaporare souvlaki e a liberare i piedi per un momento dal nostro peso.

Siamo all’esplorazione della città. Beh, che dire, a parte i fiumi di gente e i prezzi esorbitanti, davvero uno spettacolo. Le cupole blu, la costa completamente bianca fanno da sfondo perfetto per la fine di un viaggio emozionante.
Non descriverò più di tanto la città, a parole non renderebbe. Lascio solo alcune foto di seguito.

Questa giornata da ben 23 km percorsi a piedi, sarà senz’altro nelle nostre memorie, lì per lì mica molto contenti delle vesciche ai piedi e della stanchezza infinita a fine giornata, ma col senno di poi, una delle tante cose da raccontare col sorriso. D’altronde, tutte quelle ore di cammino sono decisamente valse la pena, condividendole con gente speciale, una delle cose più importanti.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...